SMI: la RAI ritiri lo spot di Enrica Bonaccorti

SANITA’: SMI, SPOT RISARCIMENTI CRIMINALIZZA MEDICI, LA RAI LO RITIRI =

Milano, 28 dic. (AdnKronos Salute) – “Lo spot di Enrica Bonaccorti che sponsorizza un sito che fa consulenza legale per ottenere risarcimenti per errori nell’assistenza ospedaliera troppo semplicisticamente ha un solo effetto: quello di criminalizzare i medici impegnati tutti i giorni nelle corsie dei nosocomi del nostro Paese a salvare vite umane”. Lo afferma Pina Onotri, segretario generale dello Smi, (Sindacato medici italiani), chiedendo in una nota che “la Rai ritiri lo spot” e che “intervenga il ministro Grillo contro questa odiosa manovra”. “Tutta la vicenda è paradossale – osserva Onotri – Da un lato la signora Enrica Bonaccorti, appare evidente, non padroneggia la legge italiana sul rischio clinico e per questo siamo a disposizione, con nostri colleghi medici, specialisti della materia, per colmare questa sua grave lacuna. Dall’altro lato è oltremodo grave che la Rai, azienda pubblica, non conosca la recente normativa che regola i danni arrecati ai pazienti ricoverati. La legge 24/2017 in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie, infatti, ha definito le responsabilità in tema di errori clinici di natura multifattoriale, in quanto generati dall’interazione tra diverse componenti del sistema ospedaliero: tecnologica, umana e organizzativa, quindi non riconducibile a una sola figura professionale”. “Non ne possiamo più con la continua messa sotto stato d’accusa dei medici – incalza il segretario Smi – Vogliano dire basta a questa campagna pubblicitaria promossa da studi di avvocati che pubblicizzano su giornali, radio, televisioni e Internet, in modo superficiale, la loro disponibilità gratuita a sostenere legalmente chi pensa di aver subito un danno in sanità. In questo modo si danneggiano i pazienti e i medici, creando ad arte un clima di rivalsa”. (Com-Opa/AdnKronos) ISSN 2465 – 1222 28-DIC-18 14:55 NNNN